Navigazione veloce

PROGETTO CADORE AL FRONTE

21 ottobre 2015
07:54a12:46

La scuola ha aderito ad una proposta di partecipazione ad un’escursione guidata (con Marco Moretta e Alberto Toscani) di interesse storico e ambientale a Venas – PIAN DELL’ANTRO (1.050m. slm) per le classi terze della secondaria di primo grado di Domegge e di Calalzo il giorno mercoledì 21 ottobre 2015, nell’ambito del progetto CADORE AL FRONTE – USCITE SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA promosso e organizzato dalla regione Veneto e dalla Magnifica Comunità di Cadore in occasione del centenario della prima guerra mondiale.

ITINERARIO

Partenza da Domegge piazza ore 7.54 corsa Dolomitibus da Sappada

arrivo a Calalzo ore 8.00 cambio bus

Partenza da Calalzo FS ore 8.20 corsa Dolomitibus per Cortina

Arrivo a Venas piazza ore 8.41 Ritrovo con accompagnatori

Partenza a piedi per il forte (30 minuti circa per strada militare – 200 m di dislivello)

Visita guidata al forte (45 minuti circa)

Pausa (15 minuti)

Ritorno a piedi a Venas (30 minuti circa per strada militare – 200 m di dislivello)

Fine attività ore 11.30 circa

Partenza da Venas piazza ore 11.51 corsa Dolomitibus da Cortina

Arrivo a Calalzo FS ore 12.13 cambio bus

Partenza da Calalzo FS ore 12.40 corsa Dolomitibus per Auronzo

Arrivo a Domegge piazza ore 12.46

Gli studenti dovranno munirsi di n° 2 biglietti Dolomitibus, uno per l’andata e uno per il ritorno, da km 20 per gli alunni di Domegge e da km 12 per gli alunni di Calalzo. Dovranno inoltre dotarsi di calzature e abbigliamento adeguato e portare la merenda, un quaderno e una penna x prendere appunti.

All’arrivo a Calalzo (12.13) e a Domegge (12.46) gli alunni saranno accompagnati dagli insegnanti nelle rispettive sedi e usciranno regolarmente al suono della campanella dell’ultima ora rispettivamente alle ore 12.55 e 13.00.

DESCRIZIONE: il forte domina la località storica detta Chiusa: sorvegliava la strada proveniente dall’alta valle del Boite e quella dalla forcella Cibiana. Fu costruito tra il 1911 e il 1914 ad una quota bassa rispetto al M. Rite (2.183 m). era composto da una grande caserma a 2 piani, da una batteria con 4 cannoni con gittata fino a 14 km, da una postazione con mitragliatrici, da una casermetta a quota più bassa, vicino alla strada statale, e da una “tagliata”, cioè un tratto di strada da far interrompere con le mine. Tutte le opere erano collegate con gallerie, rotaie ed elevatori.

2 commenti »

Lascia un commento